lunedì 28 marzo 2011

IL DESERTO DELLA LIBIA di Mario Tobino - Mondadori - n.141 Il Bosco - 1964 - £ 800

Mario Tobino è stato medico di professione, primario all'Ospedale psichiatrico di Lucca, ma anche, e sopratutto, poeta e narratore. Il libri che gli hanno valso il maggior riconoscimento della critica e del pubblico sono Le libere donne di Magliano, La brace dei Biassoli e Il clandestino con cui vinse il premio Strega nel 1962.

Il deserto della Libia, un po' racconto e un po' diario, è il frutto dell'esperienza maturata da Tobino come ufficiale medico durante la guerra in Africa settentrionale, ma è sopratutto un luogo dello spirito, dove la poetica di Tobino si esprime pienamente.

Così conclude Tobino:
Eppure ci furono anche il Libia gli eroi, candidi , soldati, umani. Chi non abbandonò l'amico, chi morì per nulla, sapendolo. Puro gesto ideale, se non quello umano, gentile, nello specchio del deserto che lo guardava. Senza fiamma alcuni furono eroi. Si vide anche cosa poteva dare un uomo senza patria, vilipeso, afflitto per venti anni da una bestiale tirannia, eppure rimanere ancora gentile.
Quando essere davanti alla morte, sfumare l'odio, ed essere uomini che hanno un destino, e solo quello. Un nobile soldato senza bandiera; non c'è di più triste; e che una bandiera non si può fare.
Ebbene ci furono.




Da alcuni episodi del libro, Monicelli ha tratto lo spunto per il suo ultimo film Le rose del deserto del 2006.

Nessun commento:

Posta un commento