mercoledì 23 gennaio 2013

Bernard Moitessier - CAPO HORN ALLA VELA - Mursia 1969 - £ 3.200





Splendida l'avventura  di Soldini e il suo Team che a bordo di Maserati, su la tratta New York S.Francisco,  oggi ha doppiato Capo Horn, stabilendo un primato in 21 giorni, 23 ore e 14 minuti di navigazione.

L'entusiasmo per questa grande prova di virtù marinara mi ha ricordato un libro magico, che mi ha fatto scoprire la vela - siamo alla fine degli anni '60 - questo di Bernard Moitessier (1925-1994): un uomo di mare straordinario che a bordo di Joshua un ketch in acciaio,  lungo 12 metri, per alberi due pali telegrafici di18 metri, e per equipaggio la sola  moglie (digiuna di navigazione), percorre 14.000 miglia senza scalo, passando per Capo Horn con onde alte 20 metri! Inutile dire che non disponeva di GPS, ma solo di carte nautiche, effemeridi, portolano, sestante e cronometro, come si navigava una volta quando la tecnologia informatica era solo fantascienza

Questo il percorso del Joshua; era stato dato questo nome all'imbarcazione in onore del grande Joshua Slocum (1884-1909), (il primo uomo a circumnavigare il mondo a vela percorrendo 46.000 miglia tra il 1895 e 1898 su uno sloop di m. 11,2 denominato Spray).







Un uono eccezionale Moitessier, per dirne una: durante la prima regata intorno al mondo in solitario, il Golden Globe Race (1969), pur essendo in condizioni di vantaggio e prossimo ormai alla vittoria, decide di allungare la traversata e doppia per la seconda volta il Capo di Buona Speranza, rinunciando così alle 5000 sterline di premio.

Per chi ama il mare e la vela, un libro  avvincente, emozionante, indimenticabile!