giovedì 29 ottobre 2009

1965, NASCONO GLI "OSCAR MONDADORI"


Addio alle armi è il romanzo con cui ha debuttato sul mercato la collana settimanale Oscar Mondadori, scatenando una accesa polemica per la decisione del lungimirante grande vecchio ArnoldoMondadori di destinare questa pubblicazione alle Edicole.

Nell'ordinato mondo del 1965 le competenze erano rigidamente stabilite: alle edicole giornali e riviste, i libri alle librerie, che non erano il supermercato attuale con la merce esposta e nessuno in grado di proporre o suggerire alcunché, ma un luogo dove si era accolti da personale all'altezza del proprio ruolo.

La rivolta dei librai, che paventavano il fallimento dell'intero comparto editoriale, si scontrò con la potente lobby degli edicolanti allora molto forte, ma fu inutile: le leggi del mercato, la decisione degli altri editori di entrare in quel nuovo mercato per raggiungere un pubblico altrimenti estraneo alla libreria tradizionale, decretarono il successo delle collane economiche vendute in edicola. 

Dovranno passare almeno trent'anni prima che un editore di periodici pubblicherà dei libri distribuendoli  come gadget insieme a un quotidiano, assestando un ulteriore legnata alle librerie tradizionali.

Nella seconda di copertina era riportata questa semplice e forse ingenua presentazione:

Gli Oscar, i libri-transistor che fanno biblioteca, presentano settimanalmente i capolavori della letteratura e le storie più avvincenti in edizione integrale supereconomica per il tempo libero. 
Gli Oscar sono i libri 1965 per gli italiani che lavorano: per gli operai, per i tecnici, per gli impiegati, per i funzionari, per i dirigenti, per i professionisti, per gli studenti, per la famiglia, per tutti i membri attivi e informati della società. 
A casa, in tram, in autobus, in filobus, in metropolitana, in automobile, in taxi, in treno, in barca, in motoscafo, in transatlantico, in jet, in fabbrica, in ufficio, al bar, nei viaggi di lavoro, nei week-end, in crociera, gli Oscar saranno sempre nella vostra tasca, sempre a portata di mano. 
Con Gli Oscar, una casa editrice tradizionalmente all'avanguardia ha ideato e creato il libro settimanale di altissimo livello per un pubblico in movimento. 
Gli Oscar sono gli Oscar dei libri: si rinnovano ogni settimana, durano tutta la vita.

Nella terza di copertina l'annuncio del successivo volume: Carlo Cassola La ragazza di Bube.

Sono passati 45 anni da quella felice intuizione e quanto abbia contribuito a cambiare le abitudini dei lettori e  tutto il mercato editoriale, lo vediamo tutti i giorni frequentando una edicola!


Nessun commento:

Posta un commento